Teatro Massari - San Giovanni in Marignano (provincia di Rimini)

Partitura d'amore - Pane e Rose 2011 - Teatro dei CinqueQuattrini

Rassegna INTERMITTENZE 2010/2011
Teatro Massari, San Giovanni in Marignano (provincia di Rimini)
Eventi di MARZO 2011

Intermittenze - Eventi


Eventi
Martedì 8 Marzo 2011
Mercoledì 9 Marzo 2011
Giovedì 10 Marzo 2011


(ore 21.00)


Intermittenze - Partitura d'amore

Teatro dei CinqueQuattrini
in "PARTITURA D'AMORE"

Spettacolo finale del Laboratorio permanente "Pane e Rose - Idee Teatrali al Femminile", in collaborazione con il Comune di San Giovanni in Marignano ed il Comune di Gradara.

Uno spettacolo che parla d'Amore perché ogni donna, come ogni uomo del resto, oltre al Pane ha bisogno anche di Rose. In questa storia l'accento cade su di un Amore che sta per finire, un Amore che abbandona. Qualcuno se ne andrà. Qualcuno resterà solo. Ma, nonostante il dolore, non si smetterà di credere nell'Amore perché qualcun altro, con insistenza, sta bussando alla nostra porta e... sarebbe sano... aprirla.

Con
LUI: Alessio Bianchi, Salvatore D'Acqua, Marco Lunedei, Mauro Paccapelo, Roberto Scapini.
SUSAN: Pamela Cardinali, Loredana Di Lorenzo, Emy Galli, Maura Gaudenzi, Iris Malpassi, Goretta Mattioli, Claudia Morri, Liliana Palmieri, Giovanna Pazzaglia, Catia Pratelli, Alina Ruiz, Cristiana Savini, Lia Servi, Stefania Storelli, Ornella Zaffini.

Regia: Silvia Giorgi e Virginia Spadoni (Teatro dei CinqueQuattrini)

Luci di scena: Gianpiero Boccato
Fondale scenografico: Sabrina Gennari
Coreografia: Roberto Di Camillo
Riprese video: Luca Pietrelli


Comunicato Stampa
(pdf, 233 kb)


In occasione della Giornata Internazionale della Donna, al teatro Massari di San Giovanni in Marignano andrà in scena lo spettacolo "PARTITURA D’AMORE".
Lo spettacolo è il risultato del laboratorio permanente "PANE E ROSE - idee teatrali", giunto alla quinta edizione e progettato in collaborazione con i Comuni di San Giovanni in Marignano e di Gradara.

Nello spettacolo si parlerà d’amore: dell’amore di coppia tra un uomo e una donna. Di intimità dunque, ma vista la vastità del tema, è stato scelto di raccontare di abbandoni: di chi viene lasciato e di chi lascia. Come recitava la Vanoni in una canzone scritta da J. Brel - "Ognuno di noi, conosce lo strazio dell’abbandono, fin da piccoli lo conosciamo …".-
Eppure l’amore che si prova, nei confronti di una persona con la quale si condividono interi capitoli di vita, può finire e lasciare un grande vuoto. Un vuoto da riempire con forza e speranza e desiderio di incontrare, un giorno, un amore nuovo. Che cos’è, dunque, l’amore?
Senza giudizio e morale Partitura d’Amore lo racconterà, per quel che è possibile, partendo da una storia uguale a tante altre perché ogni donna, come ogni uomo, oltre al Pane ha bisogno anche di Rose.

"Questa iniziativa – commenta Claudia Montanari, Assessore alla Cultura, Pari Opportunità e Vice Sindaco di San Giovanni in Marignano – rappresenta un importante momento per la vita culturale di San Giovanni in Marignano. Il laboratorio permanente Pane e Rose, infatti ma non solo costituisce uno spazio di aggregazione e confronto tra donne di generazioni diverse, con background e stili di vita molto differenti tra loro, ma segna il realizzarsi dell’idea di partecipazione attiva della cittadinanza alla vita culturale. Le partecipanti infatti da spettatrici, spesso anche con grande sforzo personale, si trasformano in attrici, si impegnano in prima persona, contribuendo a mantenere vivo il nostro teatro, anche al di fuori della tradizionale programmazione. A testimonianza della validità di questa iniziativa non solo il grande numero di adesioni ai laboratori, ma anche le numerose richieste di prenotazione per assistere allo spettacolo, che hanno rese necessarie ben tre repliche".

Un grazie sentito a quanti hanno sostenuto questo progetto arriva dalla compagnia del Teatro dei Cinquequattrini curatore dell’iniziativa: "Un grazie a quanti hanno creduto in questo progetto e lo hanno sostenuto, e a tutti i nostri allievi vecchi e nuovi che hanno partecipato al Laboratorio in massa credendo nel Teatro come disciplina, passione e opportunità".